Bike sharing, i vandali costringono Gobee a lasciare l'Itala

Bike sharing, i vandali costringono Gobee a lasciare l'Itala

Il motivo? Lo spiega la stessa azienda in un comunicato: "Durante i mesi di dicembre e gennaio - scrive l'azienda -, le nostre biciclette sono diventate il bersaglio di sistematici atti di vandalismo, trasformandosi così in oggetti da distruggere per puro divertimento".

Purtroppo l'inciviltà ha prevalso, condannando il servizio ad una morte prematura, che indubbiamente danneggia tutti gli utenti che usavamo il bike sharing per spostarsi velocemente e a zero emissioni in città. Il successo che questo servizio ha avuto non ha fatto altro che confermare la nostra visione di mobilita' sostenibile e innovazione. "Con tristezza annunciamo ufficialmente la fine del servizio di Gobee.bike in Italia", si spiega in una comunicazione che la società ha inviato agli abbonati del servizio. "Mediamente, il 60% della nostra flotta europea ha subito danneggiamenti, vandalismi o è stato oggetto di fenomeni di privatizzazione", specificano. "Abbiamo dovuto affrontare una serie di ostacoli, imparando dai nostri errori, dando ascolto ai vostri consigli e investendo il massimo per provare che il bike sharing è una soluzione di mobilita' ecologica e sostenibile per le città". Una decisione sofferta dal punto di vista morale, umano e finanziario.

L'azienda nella sua nota fa sapere di aver già provveduto a rimborsare gli iscritti dei 15 euro della cauzione e del credito presente sul conto e di aver disattivato tutti gli account. Così si è espresso l'assessore alla Smart City del Comune di Firenze Giovanni Bettarini dopo la conferma dell'addio da parte della società di Hong Kong che da qualche mese aveva messo in circolazione le proprie bici verdi anche nel capoluogo toscano dopo Torino e la Francia. E che - evidentemente - ha ben altri standard. Alle ore 18,00 abbiamo cercato una gobee.bike all'Eur, vicino alla stazione metro Eur Fermi, dove ne era stata posizionata una decina, ma il servizio di geolocalizzazione sulla app ci rispondeva che nessuna bicicletta era disponibile, come mostra il nostro screenshot qui sopra.

Di seguito il video della presentazione del servizio il 13 dicembre dello scorso anno.