Uccisa a botte, fermato il compagno

Uccisa a botte, fermato il compagno

Muore nel peggior modo possibile, una donna di 45 anni di Novara. Almeno per il momento, non è esclusa l'ipotesi di omicidio. A chiamare le forze dell'ordine i vicini di casa preoccupati per i rumori che provenivano dall'appartamento. Sul posto, oltre al pm di turno, sono arrivati successivamente anche il medico legale per un primo esame del cadavere e i reparti scientifici dei carabinieri per gli opportuni rilievi sulla scena del crimine.

Una donna è stata trovata morta in casa a Sozzago, in provincia di Novara, probabilmente massacrata di botte dal compagno.

Almeno per il momento, non sono chiari i motivi che hanno scatenato la lite durante il quale l'uomo si sarebbe accanito sulla convivente massacrandola di botte fino a ucciderla. Stando a quanto emerso, l'uomo avrebbe dei precedenti per violenza. Secondo le prime informazioni già in passato era finito in carcere per le violenze, ma la compagna lo aveva sempre riaccolto in casa e, in alcune circostanze, lo aveva anche difeso.