Pescara, evasione domiciliari: arrestato un quarantatreenne

Pescara, evasione domiciliari: arrestato un quarantatreenne

A quel punto, rimasto a piedi, non ha avuto altra scelta che telefonare ai carabinieri per costituirsi.

Arrestato, il 78enne è stato associato presso la casa circondariale di Latina, in attesa dell'interrogatorio di garanzia che si terrà nei prossimi giorni, mentre i due acquirenti saranno segnalati all'Autorità Amministrativa.

Nella mattinata odierna, il giudice del Tribunale di Marsala convalidava l'arresto, ripristinando la misura degli arresti domiciliari. I militari, dopo essersi precipitati nei pressi del parcheggio, non avendo avuto riscontro positivo, si portavano dritti presso l'abitazione del Laudicina il quale, evidentemente accortosi di essere stato scoperto, era nel frattempo riuscito a fare rientro presso la propria abitazione, presentandosi regolarmente, sebbene visibilmente agitato, molto accaldato (quasi sudato), al controllo effettuato dalla pattuglia. Durante la perquisizione domiciliare, poi, gli agenti hanno rinvenuto in una delle stanze un altro involucro in cellophane con altra droga e la somma di 2.500 euro, divisa in banconote di vario taglio e tutto l'occorrente per il confezionamento delle dosi di stupefacente. La procura di cassino ha così disposto la conversione della pena domiciliare a quella più afflittiva della detenzione in carcere.