Onu: "Parole Trump vergognose e razziste"

Onu:

Il presidente, racconta il "Washington Post", stava discutendo nello Studio Ovale con alcuni parlamentari sui programmi di protezione a favore dei migranti provenienti da Haiti, El Salvador e alcuni Paesi africani, tra cui la Nigeria. La Casa Bianca difende Trump sulle intenzioni ma non smentisce le parole che hanno fatto gelare i presenti.

Roma. Per quanto avesse già annunciato da mesi di voler rompere l'accordo sul nucleare con l'Iran, ieri l'Amministrazione Trump ha deciso che per ancora 120 giorni continuerà a comportarsi come se fosse ancora valido - anche se a ottobre lo aveva decertificato, vale a dire che si era rifiutata di dare conferma che l'Iran sta rispettando le condizioni del deal (che è il primo passo verso la rottura). "Questa non è solo una storia di linguaggio volgare - ha affermato - si tratta di aprire la porta al lato peggiore dell'umanità". Per l'Unione, infatti, la frase di Trump "va oltre qualsiasi comportamento e pratica accettabili", in considerazione anche della realtà storica vissuta da numerosi "africani arrivati negli Stati Uniti come schiavi". "Come altri paesi che hanno un sistema dell'immigrazione basato sul merito, il presidente si sta battendo per una soluzione permanente che renda il nostro paese più forte, accogliendo coloro che possono contribuire alla nostra società, a far crescere la nostra economia e ad integrarsi nella nostra grande Nazione", ha affermato il vice portavoce della Casa Bianca, Raj Shah. Non è andata molto meglio ai 40mila nigeriani giunti negli Usa lo scorso anno: "Non torneranno più nelle loro capanne". Il presidente non entra nel dettaglio e non chiarisce se ci siano stati contatti diretti. Il presidnte ha rinunciato alla visita in Gran Bretagna per inaugurare la nuova ambasciata americana. "Il suo slogan Make America Great Again si deve purtroppo tradurre con Make America White Again", ha aggiunto il democratico della Louisiana Cedric Richmond, presidente del Congressional Black Caucus. "Brutto affare. Mi volevano a tagliare il nastro. No!".

Donald Trump continua a scioccare il mondo.