Musei d'Abruzzo: oltre 122mila visitatori nel 2017, primo Castello Piccolomini

Musei d'Abruzzo: oltre 122mila visitatori nel 2017, primo Castello Piccolomini

A fronte di un aumento degli introiti di circa 20 milioni di euro (+11,7%), sono cresciuti anche i visitatori non paganti (+15%), grazie al successo delle prime domeniche del mese (iniziativa che torna domani in oltre 420 siti): solo nel 2017, hanno portato più di 3,5 milioni di persone gratuitamente nei luoghi della cultura statali. Nella Top 30 i tassi di crescita piu' sostenuti sono stati registrati da Palazzo Pitti (+23%) e da quattro siti campani: la Reggia di Caserta (+23%), Ercolano (+17%), il Museo archeologico di Napoli (+16%) e Paestum (+15%).

Sul podio delle regioni con il maggior numero di visitatori si sono piazzate Lazio (23.047.225), Campania (8.782.715) e Toscana (7.042.018).

Significativa crescita in classifica della Pinacoteca di Brera (+7 posizioni), di Palazzo Pitti (+5 posizioni) dei Musei reali di Torino (+4 posizioni) e l'ingresso in classifica, per la prima volta, di Villa Adriana e del Museo di Capodimonte. Le percentuali più elevate premiano la Galleria nazionale d'arte moderna e contemporanea (+54% di visitatori), la Reggia di Caserta (+23%), le Gallerie nazionali di arte antica di Roma (+17%), Capodimonte (+16%) e il Palazzo Reale di Genova (+14%).

Tra i luoghi della cultura a ingresso gratuito in Abruzzo l'Abbazia di San Clemente a Casauria, in provincia di Pescara, è stata visitata da oltre 14.000 persone. Conti alla mano, si è registrato un incremento - rispetto al 2016 - di circa 5 milioni di visitatori e 20 milioni di euro di incassi. Seguono la Cattolica di Stilo, con 31 mila visitatori, ed il Museo e Parco Archeologico Nazionale di Capo Colonna, con 20.500 ingressi. Tra gli elementi "vincenti" di questo percorso, secondo il ministro, il "rafforzamento della ricerca" e della "produzione scientifica", oltre a un "ritrovato legame con le scuole e con i territori". Buon risultato anche per il nostro Museo Archeologico, che guadagna l'ottavo posto con 25.888 visitatori attratti sicuramente dall'Uomo di Altamura e dalla sua storia.

Crescono i visitatori dei musei statali toscani e Firenze resta la regina del turismo culturale della regione.