LAVORO - 1200 posti nel nuovo centro Amazon di Torrazza Piemonte

LAVORO - 1200 posti nel nuovo centro Amazon di Torrazza Piemonte

Il sito torinese si andrà ad affiancare ai tre grandi centri di distribuzione dell'azienda in Italia (Piacenza, Vercelli e Roma) e sarà robotizzato.

"Nel 2018 cade l'ottavo anniversario dalla creazione dei primi posti di lavoro da parte di Amazon in Italia", ricorda Fred Pattje, Amazon Operations Director per Spagna e Italia, riferendosi al suo debutto avvenuto nel 2010 con il primo centro logistico di Castel San Giovanni, a Milano, avvenuto nel 2011.

Il gigante fondato da Jeff Bezos ha annunciato che l'investimento per questo centro da 60mila metri quadrati (otto campi da calcio e mezzo, per intendersi) sarà di 150 milioni: verranno assunte 1.200 persone "a tempo indeterminato" in tre anni, specifica la società, che doterà la struttura della tecnologia Amazon Robotics. I robot si muoveranno sotto le scaffalature in cui i prodotti sono stoccati, le solleveranno e le muoveranno per il centro di distribuzione fino alle postazioni di lavoro dei dipendenti. "Siamo felici di creare 1.200 nuovi posti di lavoro a Torrazza, offrendo stipendi competitivi, benefit molto interessanti, un ambiente di lavoro ottimale e varie opportunità di sviluppo professionale nella nostra azienda dalla rapida crescita globale".

Amazon a Torrazza Piemonte porta 1200 assunzioni. Giovani e meno giovani, già nel 2018, potranno trovare una risposta concreta ai bisogni occupazionali in ambito locale. Ma la cosa più importante per tutti i bergamaschi in cerca di lavoro è che, in tre anni, porterà 400 posti di lavoro. Questo aiuterà l'azienda nel soddisfare la crescente domanda da parte dei clienti e supporterà in misura maggiore i venditori terzi che usufruiscono della rete di distribuzione di Amazon.

"Siamo orgogliosi che una realtà imprenditoriale come Amazon metta radici in terra bergamasca, e siamo pronti insieme a fare un salto nel futuro. Come Provincia siamo infine impegnati a monitorare passo passo i lavori per le infrastrutture necessarie all'attività dell'impresa".