Figc, Tavecchio: "La Lega non propone nomi, nessuna candidatura in assemblea"

Figc, Tavecchio:

"Tutto è rimandato a dopo la scadenza del 14 e si vedrà", ha commentato il commissario Tavecchio al termine dell'Assemblea. Dividersi. Spaccarsi. E, ovviamente, non decide nulla. Così, è avvolta nel caos l'intera contesa elettorale, innescata dall'eliminazione dell'Italia dal Mondiale e dalle conseguenti dimissioni di Tavecchio. "Certo che ho la maggioranza". In assemblea i cosiddetti "riformisti" gli hanno suggerito di non compiere quel passo in avanti. "Noi non abbiamo candidature da esprimere, attendiamo le valutazioni della Lega A". Ha le idee chiare e dice di avere le firme necessarie. Lotito ha tempo fino a domani sera. Nel pomeriggio di oggi, proprio il presidente della Lega Nazionale Dilettanti sarà il primo a incontrare la commissione della Lega Serie A. L'Assemblea della Lega Nazionale Professionisti del massimo campionato italiano, dopo aver valutato i risultati delle consultazioni, annuncerà la propria posizione. Si giocherà davvero la partita?

Le cose, però, non stanno esattamente così.

Saltata la nomina di Claudio Lotito che aveva affermato di avere 11 squadre pronte ad appoggiare la sua candidatura. "Ho avuto la possibilita' di spiegare la mia riforma programmatica, l'unica presentata finora da quello che ho capito - ha aggiunto -". "La candidatura di Lotito?". Parlare di Ancelotti, uno dei primi nomi per il post-Ventura, o di Roberto Mancini, che sarebbe onorato di sedere sulla panchina azzurra e lasciare San Pietroburgo, è prematuro. Altrimenti, si consegneranno ad un bel commissariamento del Coni, che sotto sotto perfino qualche club di A comincia ad auspicare.