Fatta a pezzi, fermati il compagno e il nipote

Fatta a pezzi, fermati il compagno e il nipote

E' scattato il fermo per due albanesi.

Si tratta del convivente della vittima A. A., un pensionato 51enne residente a Verona, e del nipote L. R., studente 27enne di nazionalità albanese e anche lui residente a Verona.

Sono il compagno e il nipote di Khadija Bencheick le due persone fermate con l'accusa di avere ucciso e fatto a pezzi il corpo della marocchina 46enne, trovata in un uliveto a Valeggio sul Mincio la sera del 30 dicembre. I carabinieri che hanno confermato l'indiscrezione, precisano che sono comunque in corso ulteriori approfondimenti delle indagini, in attesa dell'udienza di convalida. Poi di lei si perdono le tracce, fino al macabro ritrovamento del suo corpo smembrato in una decina di parti, la sera successiva all'interno del recinto di un cavallo a Corte Gardoni.