Escursionista disperso su Appennino Tosco-Emiliano, allarme col cellulare poi niente

Escursionista disperso su Appennino Tosco-Emiliano, allarme col cellulare poi niente

Un escursionista rimasto bloccato sul Monte Bocco (1791 metri), nell'Appennino Tosco-Emiliano, in provincia di Parma, al confine tra i comuni di Monchio delle Corti (Parma) e Licciana Nardi (Massa Carrara) risulta disperso.

. I soccorritori che lo stanno riportando a valle lo descrivono come provato, infreddolito ma in buone condizioni generali di salute.

Il soccorso alpino si è mosso subito assieme ai vigili del fuoco e ai volontari.

L'ultimo contatto telefonico con l'escursionista risale alle 18:15 di ieri: l'uomo, mentre stava percorrendo un sentiero a Lagastrello è caduto perdendo la piccozza e rompendo un rampone. A quel punto, si era fermato. L'escursionista è un geologo originariodella provincia di Reggio Emilia ma residente nel Parmense.