E' morto a Roma il senatore e magistrato Ferdinando Imposimato

E' morto a Roma il senatore e magistrato Ferdinando Imposimato

E' morto stamattina al Policlinico Gemelli di Roma Ferdinando Imposimato. In tv era conosciuto per la partecipazione al programma "Forum". Noto anche per la morte del fratello, Franco Imposimato, nel 1983, per una vendetta trasversale per mano della camorra. Il senatore istituì i più importanti casi di terrorismo tra cui il rapimento di Aldo Moro nel 1978, l'attentato a papa Giovanni Paolo II nel 1981, l'omicidio del vicepresidente del Consiglio Superiore della Magistratura Vittorio Bachelet e dei giudici Riccardo Palma e Girolamo Tartaglione. Nel 1994 viene nuovamente eletto al Senato.

Attualmente si occupava della difesa dei diritti umani, ed era molto impegnato nel sociale. Successivamente passa al Partito Democratico della Sinistra, per divenire poi il responsabile alla giustizia dei Socialisti Democratici Italiani. Aveva 81 anni. Il presidente onorario della Suprema Corte di Cassazione era stato ricoverato nel nosocomio capitolino alla vigilia di Capodanno per l'aggravarsi di problemi respiratori che già nelle settimane precedenti lo avevano costretto ad un primo ricovero. È stato inoltre scelto per il riconoscimento di "simbolo della giustizia" dall'ONU, in occasione dell'anno della gioventù. Lo stesso partito lo ha sostenuto anche nella successiva elezione del 2015, votandolo in tutti i quattro scrutini. A Roma si svolgeranno i funerali.