Bonus gas 2018: al via le domande, come ottenerlo

Bonus gas 2018: al via le domande, come ottenerlo

Il bonus dura dodici mesi e dà diritto ad uno sconto sulla bolletta.

Per quanto riguarda la detrazione gas, in pratica il bonus consiste in una riduzione sulla bolletta gas 2018 a chi ha un ISEE non superiore a 8107,50.

Infine è importante comunicare, in fase di domanda, anche il codice POD presente in bolletta che servirà ad accedere ad alcune informazioni importanti per l'iter burocratico dell'attivazione del bonus. Il bonus gas può essere richiesto da nuclei familiari con Isee non superiore a 8.107,5 euro; anche in questo caso, come già visto con il Bonus Luce 2017, è aumentato poiché fino al 2016 il limite era di 7.500 euro. Tale soglia sale a 20mila euro se nella famiglie di chi ha fatto la richiesta ci sono più di tre figli a carico.

Come specificato sul sito dell'Arera, per avere accesso al bonus elettrico bisogna presentare il modulo apposito insieme a diversi documenti. Il Bonus viene erogato su contratti di fornitura individuale di gas per residenti o a coloro che usufruiscono di impianti condominiale di tipo centralizzato.

La DSU (Dichiarazione Sostitutiva Unica) è necessaria per presentare domanda di un nuovo ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente), l'indicatore che permette di valutare e confrontare la situazione economica delle famiglie.

Un'agevolazione che aiuta i nuclei familiari in difficoltà per 12 mesi, anche se il bonus è rinnovabile a richiesta quando non cambiano le condizioni economiche.

Con lo stesso modulo è possibile chiedere il bonus sociale gas 2018 ed il bonus energia elettrica 2018 per avere uno sconto sulla bolletta della luce.

Come si chiede il bonus gas 2018?

Il Bonus Luce 2018 prevede un aumento di aliquote rispetto al passato. Ma si può rinnovarlo alla scadenza purché l'interessato mantenga i requisiti sopra elencati. Per farlo, è necessario compilare il modello DSU e presentarlo all'ente a cui si richiede la prestazione agevolata, al Comune, tramite un CAF (Centro di Assistenza Fiscale) oppure all'INPS in via telematica: a quel punto, in base ai dati inseriti dal contribuente, l'INPS calcola l'ISEE basandosi sul suo intero reddito, sul 20% del patrimonio e su un parametro che varia a seconda della composizione del nucleo famigliare. Quindi, se il bonus gas scade il 31 dicembre 2018, è necessario chiedere il rinnovo nel mese di novembre. È importante, dunque, muoversi per tempo per non rischiare di perdere il diritto di rinnovo.

Bonus Luce 2018 come funziona: come detrarlo? Il bonus per disagio fisico è cumulabile con quello per disagio economico (sia elettrico che gas) qualora ricorrano i rispettivi requisiti di ammissibilità.