Baby gang, ragazzo aggredito a Napoli: chi sa qualcosa parli Video

Baby gang, ragazzo aggredito a Napoli: chi sa qualcosa parli Video

Gaetano, 15 anni, è stato percosso da un branco di una quindicina di ragazzini delinquenti ieri pomeriggio. La vittima era in compagnia di due cugini. Le sue condizioni cliniche sono migliorate.Uscito dalla sala operatoria dell'ospedale di Giugliano dove gli è stata asportata la milza, è ricoverato in una stanza ed ha chiesto di mangiare. Il decorso post-operatorio è regolare. I cugini sono riusciti a scappare mentre il 15enne è rimasto in balia della violenza. Sull'episodio indagano adesso i poliziotti del commissariato di Giugliano, diretti da Paolo Auriemma. Quando tutto è finito, il ragazzino è riuscito a ritornare a casa, a Melito, ma il dolore era forte così uno zio lo ha accompagnato all'ospedale di Giugliano. "Sono branchi che si mettono insieme, che eludono anche la sorveglianza dei genitori, forse assenti, e si rendono protagonisti di questi atti vili e di inaudita violenza", spiega. Ora mio figlio sta bene ma poteva andare peggio. "Queste sono le parole della mamma, che ha poi tuonato ai canali di comunicazione nazionali ribadendo la sua preoccupazione:" purtroppo non è finita la problematica della violenza, a Napoli la violenza per strada continua.

Sapevi che le borse delle griffe mondiali sono prodotte a Napoli?

E dopo il ferimento del figlio 15enne la mamma lancia un appello: "Chi ha visto qualcosa che può servire alle indagini condotte dalle forze dell'ordine ci aiuti, ma soprattutto sporga denuncia", la nostra città non può morire. Le indagini sono in corso, dalle prime notizie investigative trapelate il branco dei delinquenti ha preso di mira lo sfortunato 15 enne per futili motivi. Questo però non basta, bisogna aumentare i presidi delle zone tendenzialmente a "rischio" come l'uscita delle metropolitane e lavorare anche per approfondire il fenomeno della devianza minorile e del bullismo, le situazioni di disagio familiare che vivono tanti giovani, e per questo è utile il lavoro delle scuole e delle parrocchie. Parla di minorenni deviati il questore di Napoli, un problema profondo che va analizzato nel contesto sociale.