Ancora una notte al freddo per Biagio Conte, domani finirà la protesta

Ancora una notte al freddo per Biagio Conte, domani finirà la protesta

L'arcivescovo di Palermo Corrado Lorefice, ha fatto visita ieri a Biagio Conte, il missionario laico che protesta per le vie di Palermo per il sostegno ai poveri e ai senzatetto. Monsignor Lorefice ha somministrato l´eucaristia a Biagio Conte e poi ha pregato per lui.

" Vivo un profondo disagio, non riesco ad essere tranquillo, non dormo e non riesco a mangiare sapendo che ancora ad oggi tante persone vivono per strada".

I volontari gli hanno chiesto di interrompere la protesta e di tornare nelle Comunità dove lo attendono i suoi assistiti.

Il missionario laico ha deciso di lasciare la sua stanza e trascorrere le notti in strada come gesto di solidarietà nei confronti dei clochard... in città negli ultimi giorni sono morte tre persone: l'ultimo il giorno di Capodanno.

Biagio Conte ha aggiunto: "Essendo sensibile anche ai tanti cittadini che hanno manifestato una preoccupazione per il mio stato di salute vi informo che sento di continuare questo momento di preghiera, digiuno e opere fino alla giornata di venerdì dopo la quale aspettando quello che il Signore mi indicherà cercherò di attenzionare fratello corpo sostenendolo con dei liquidi, delle vitamine, degli zuccheri e delle proteine in forma liquida".

"L'umanità deve essere solidale verso chi è privo di beni essenziali e muore di fame - scrive Biagio Conte -, verso chi profugo della Patria cerca un rifugio per se e per i suoi, i bambini che saranno gli uomini e le donne del futuro". Davanti all'indifferenza di tanta gente, Biagio Conte empatizza invece con chi è meno fortunato, portandoci a riflettere su ciò che ognuno di noi può fare nel proprio piccolo, uscendo dall'indifferenza che spesso impera.