Serena Mollicone: nuovo indagato 16 anni dopo il delitto, è un carabiniere

Serena Mollicone: nuovo indagato 16 anni dopo il delitto, è un carabiniere

Oltre a lui, per la morte di Serena sono attualmente iscritti nel registro degli indagati con l'accusa di omicidio volontario ed occultamento di cadavere l'ex comandante della stazione di Arce Franco Mottola, suo figlio Marco e la moglie del maresciallo, Anna. L'Arma al momento non intende rilasciare dichiarazioni ma, secondo quanto emerso, il quarto avviso di garanzia per l'ipotesi di omicidio volontario in concorso potrebbe aprire nuovi scenari investigativi. Il militare disse di avere visto Serena il giorno della scomparsa, il 1 giugno del 2001, entrare nella caserma dei carabinieri.

Serena Mollicone sarebbe morta soffocata dal nastro adesivo dopo aver riportato un trauma cranico (che ha coinvolto l'arcata zigomatica e l'occhio sinistro) provocato da "un unico forte impatto contro una superficie ampia e piana".

Gli inquirenti, quindi, ritengono che il milite convocato questa mattina in Procura sappia molto su quello che è successo all'interno della caserma dopo l'arrivo di Serena Mollicone. "Tra le ipotesi prospettate come causa della lesione sulla porta in sequestro - sostiene la consulente - quella della testa pare di gran lunga più probabile".

Leggi anche - Serena Mollicone news: c'è una seconda morte legata al delitto di Arce? Sugli indumenti di Serena sono stati infine rinvenuti numerosi elementi botanici che, secondo la relazione firmata da Cristina Cattaneo, sono " del tutto coerenti" con il bosco in cui è stata rinvenuta la ragazza.