Salvini: ''Il referendum sull'euro è una sciocchezza''

Salvini: ''Il referendum sull'euro è una sciocchezza''

Ma il referendum sull'euro caldeggiato dal M5S "è una sciocchezza, non è previsto della Costituzione, fai un dibattito di 6 mesi e intanto ti affossano con lo spread". Da 15 anni ci sentiamo dire che bisogna chiudere gli ospedali per ridurre il debito che invece è aumentato. Così Matteo Salvini ospite di Circo Massimo su Radio Capital.

Quanto alla possibilità di appoggio della Lega a un eventuale governo M5s post voto, Salvini è categorico: "Ma per favore".

Per il leader leghista una delle soluzione è la proposta di mettere in circolazione dei "mini bot per pagare tutti i debiti della Pubblica amministrazione, 46 miliardi che lo Stato non paga perché altrimenti esce dai parametri europei".

"Abbiamo già dato, basta con governi della sinistra, basta con altri governi Gentiloni, basta con i poltronari". Quindi spiega la sua idea in merito: "Non uscire dall'euro, ma rientrare con nuove regole". Già l'ho detto a Berlusconi. "Va bene cambiare idea, ma il Movimento Cinque Stelle cambia idea continuamente. Noi - aggiunge - avremo il 40% e Mattarella chiamerà uno di noi a formare il governo". "Votare persone che cambiano idea dopo il voto sono le cose che fanno allontanare la gente dal voto".

"Gli 80 euro sono stati la misura del nostro governo in questi anni più criticata da tutte le opposizioni".

Insieme, stando ai sondaggi, M5s e Lega arriverebbero al 45 percento. Salvini poi rivela che nel nuovo simbolo della Lega in vista delle prossime elezioni politiche ci sarà il suo nome. "Hanno fatto delle leggi che complicano la vita a chi vuole dare lavoro - dice anche Salvini- ma una parte del jobs act la manterrei". "Andiamo #avanti, amici. E cerchiamo sempre di fare meglio", conclude.