Natale, "Fatto sul web il 35% della spesa per regali"

Natale,

Decisamente sorprendenti le risposte: il 24% degli intervistati ha risposto positivamente, faranno ricorso ad una finanziaria per sostenere le spese natalizie.

Per quanto riguarda l'ammontare del prestito, il 53,1% dichiara di voler chiedere una somma superiore ai 2000 euro, il 15,6% una cifra compresa tra 1000 e 2000 euro mentre il 31,3% intende chiedere un importo inferiore ai 1000 euro.

Per cosa gli italiani utilizzeranno la somma richiesta? A tal punto che molti italiani hanno intenzione di chiedere un prestito per far fronte ai costi di cenoni, regali e vacanze.

I regali sono la principale voce di spesa degli italiani che sotto l'albero troveranno nell'ordine libri, cioccolatini, vestiti, cosmetici, denaro e prodotti alimentari. Nel 33% dei casi si tratterà di un elettrodomestico. Seguono in classifica l'arredamento, che raccoglie il 26,7% delle preferenze, i giocattoli con il 20% e i beni tecnologici, tra cui smartphone, tablet e pc, indicati nel 13,3% dei casi.

Sette italiani su dieci (68 per cento) concentrano nel mese di dicembre lo shopping di Natale che comporterà quest'anno in media una spesa complessiva di 528 euro per famiglia in aumento rispetto allo scorso anno del 4,4%. L'enogastronomia cresce anche per l'affermarsi di uno stile di vita attento alla riscoperta della tradizione a tavola che si esprime con la preparazione "fai da te" di ricette personali per serate speciali o con omaggi per gli amici che ricordano i sapori e i profumi della tradizione del territorio. Seguono le fasce tra il 26 e i 35 anni e quella tra i 46 e i 60 (entrambi con il 18,75%). Di questi, il 49% ha dichiarato di ritenere i regali di Natale un motivo futile per ricorrere ad una finanziaria, il 35% non ne ha bisogno mentre il 16% non vuole aggiungere un nuovo finanziamento sul bilancio familiare.