Malta, otto arresti per l'omicidio della giornalista Caruana Galizia

Malta, otto arresti per l'omicidio della giornalista Caruana Galizia

Tutti i fermati sono di nazionalità maltese, già noti alle forze dell'ordine, e sono stati fermati questa mattina in diverse aree dell'isola, tra cui Marsa, Zebbug e Bugibba.

La polizia che sta indagando sull'assassinio di Daphne Caruana Galizia, giornalista e blogger uccisa il 16 ottobre con un'autobomba nei pressi della sua abitazione, ha arrestato otto persone. Il primo ministro ha inoltre aggiunto che 'gli investigatori ritengono che i sospettati siano gli autori materiali dell'attentato', precisando di essere "ben consapevole delle implicazioni di fare una dichiarazione in questa fase'". Ora la Polizia ha 48 ore per avere la conferma dal giudice della legalità dell'arresto e per formulare un capo di imputazione specifico. Tantissimi maltesi sono scesi in piazza a La Valletta per chiedere la verità. "L'operazione è stata eseguita dalla polizia, dalle forze armate di Malta e dai nostri servizi di sicurezza in seguito a indagini fatte nelle ultime settimane - ha proseguito -".

L'omicidio ha suscitato un'ondata di sdegno a Malta e all'estero. Poi il premier ha aggiornato il numero degli arresti con un tweet: in totale sarebbero dieci, quindi, le persone ritenute colpevoli dell'omicidio della giornalista, rimasta uccisa nell'esplosione della sua Peugeot 108, trasformata in autobomba.