Il movimento #MeToo è la persona dell'anno secondo il Time

Il movimento #MeToo è la persona dell'anno secondo il Time

E' il movimento #MeToo la "Persona dell'anno" per il settimanale Time.

Con la copertina di fine anno, Time ha reso omaggio alle donne che "hanno rotto il silenzio" nel mondo dello spettacolo, della politica, dei media e più in generale sul lavoro.

Lo scatto della cover e il reportage con altri 24 ritratti sono firmati dal duo di fotografi Billy & Hells, che hanno cercato di rendere la composta dignità dei soggetti.

"Si tratta del moving social change più veloce degli ultimi decenni e che è partito da atti di coraggio individuale da parte di centinaia di donne, e anche di alcuni uomini che si sono fatti avanti per raccontare le loro (brutte) storie", ha dichiarato Edward Felsenthal, direttore di Time, alla Nbc. È il movimento #MeToo, diventato celebre in America sulla scia del caso Weinstein, e che poi ha travolto decine e decine di uomini di potere. Potrebbero lavorare nei campi della California, o alla reception del Plaza Hotel di New York o al Parlamento Europeo. Senza dimenticare la reginetta del pop Taylor Swift, che lo scorso agosto ha ottenuto la condanna in tribunale del dj David Mueller, che le aveva palpato il sedere dopo un suo concerto a Denver nel 2013. A Hollywood come nel resto del mondo.

"Mi ha chiamato Time per dirmi che sarei stato probabilmente nominato persona dell'anno di nuovo, ma che avrei dovuto rilasciare un'intervista e fare un servizio fotografico".

Le donne hanno dunque battuto gli aspiranti maschi al prestigioso titolo di "persona dell'anno": fra questi il presidente Donald Trump, già vincitore del 2016, protagonista, nelle scorse settimane di un botta e risposta con il settimanale.