Higuain: "Sarà Juve-Inter no Icardi contro di me"

Higuain:

Per i bianconeri ora c'è la sfida contro l'Inter capolista: "Sarà una partita durissima - ha ammesso Gonzalo Higuain -, l'Inter sta molto bene".

Dopo i successi contro Napoli e Olympiacos, in casa Juventus è tornato il sereno. "I fischi però sono una sorta di elogio del tifoso che in fondo non chiede che applaudirti per un gol". La Champions? Chiunque sarà il nostro avversario non ha importanza perché in Champions bisogna affrontare tutti gli avversari. Poi ognuno è libero di esprimere come vuole il proprio dissenso. Dopo aver messo in mostra le sue enormi doti sotto gli occhi dei tifosi napoletani, nell'estate del 2016 l'argentino è passato alla Juventus dopo che il club piemontese ha esercitato la clausola rescissoria di 94 milioni di euro. La non convocazione in nazionale mi ha dato ancora più motivazioni? Siamo risusciti a non subire gol che contro il Napoli al San Paolo è praticamente impossibile quindi abbiamo fatto una grande partita.

Mentre riguardo ai fischi degli ex tifosi nei suoi confronti Higuain risponde così: "Io non cambierò mai idea su quei a tre anni di Napoli, i tifosi sono stati fantastici".

"Dopo una vittoria a Udine in cui rimasi a secco, mi diede i brividi: disse che incarnavo lo spirito Juve e che avrebbe chiesto ad Allegri di mostrare la mia partita per una settimana alla squadra". Complimenti di uno come lui mi rendono doppiamente felice.

Nell'intervista il Pipita racconta anche di Sarri che lo ha spinto a migliorarsi: "Disse che ero pigro perché voleva segnassi come Messi e Ronaldo".

E il gol, per l'argentino non è solo istinto: "Prima di ricevere palla so già cosa ne farò, ma si tratta di un paio di secondi che nel calcio sono fondamentali".