Di Francesco sorride: "Perotti e Nainggolan pronti per Roma-Qarabag"

Di Francesco sorride:

Mi ha fatto molto piacere, ogni volta che ho avuto difficoltà loro sono stati fermi nello schierarsi con me. E ritrovandosi, tra le tre italiane nella competizione, nella posizione forse migliore per puntare all'eventuale primato.

Di Francesco non fa sconti. Ripeto, lo scoglio più grande era entrare nella loro testa ma ora loro credono in quello che stanno facendo. I giocatori sono convinti di quello che fanno. Ci vuole la solita Roma, questa di questa stagione, per staccare il pass per gli ottavi di finale di Champions League. Per la sfida in programma martedì sera all'Olimpico Eusoebio Di Francesco non ha dunque dubbi su quale formazione schierare all'Olimpico: rimetterà a centrocampo Nainggolan, tenuto a riposo in campionato, e Perotti, reduce da un brutto incidente stradale da cui è uscito illeso.

Dopo la manata a Lapadula e le due giornate di squalifica in campionato, per Daniele De Rossi la Champions offre l'occasione del riscatto. I dati sulle condizioni atletiche sono confortanti, ma ci sono altre problematiche.

"Sì, saranno entrambi convocati e a disposizione per il Qarabag".

Come si prepara una partita così importante? All'interno della squadra io sono sempre stato ottimista o lo continuerò ad essere.

Mi ha regalato grandi serate di gioia, anche delle grosse e cocenti delusioni, anche un paio di brutte figure anche, però sempre in linea con la nostra realtà.

"Quella vittoria in trasferta ci ha dato forza, la giusta mentalità". La prossima è davvero molto importante, di sicuro pensare a Genova non mi aiuterà. Era complicato, non impossibile. Vincere lo scudetto non è una cosa impossibile che succeda.

Domani dovrebbe arrivare l'ok per lo stadio della Roma. Ora facciamo gli scongiuri per domani, ma credo che i 6 mesi del mister siano i migliori di un allenatore all'inizio con la Roma.

E' d'accordo con Sarri che senza le coppe si gioca uno sport a parte? . Se le prendi 3, ecco lì che ne ha saltate 40, non ho saltato un anno della mia carriera, sono sempre stato molto presente, ho fatto cose che hanno fatto sembrare una strattonata come un pugno in faccia, questo lo so, però non ho saltato un anno, avete scritto male. 2021 quanti anni sono? "L'anno scorso abbiamo zoppicato un po' all'inizio, quest'anno corrono tutti, fosse stato così l'anno scorso avremmo vissuto mesi da capolista". Con la somma delle squalifiche hai quasi perso una stagione, con questo lato del carattere, pensi che ti abbia più giovato o nociuto? "Sto bene, oggi. Fra quattro anni vedremo".