Borussia-Aubameyang, è crisi: ecco il piano di fuga dell'attaccante

Borussia-Aubameyang, è crisi: ecco il piano di fuga dell'attaccante

Vuole andarsene già a gennaio.

Pierre-Emerick Aubameyang ha ufficialmente rotto con il Borussia Dortmund, l'esodo che ha colpito il club giallonero in estate ha avuto importanti ripercussioni anche sul piano tecnico: eliminazione praticamente certificata in Champions League e distanza siderale dal Bayern in campionato hanno compromesso già la stagione e, come prevedibile, anche la voglia dei maggiori fuoriclasse.

L'attaccante sogna un ritorno al Milan e il club rossonero vorrebbe riportarlo in Italia ma l'affare non è semplice. Nelle scorse settimane è stato sospeso (saltando la trasferta di Stoccarda, che i gialloneri hanno perso) per i continui ritardi e perché troppo spesso fa entrare nel centro sportivo parenti e amici. Dopo il derby buttato con lo Schalke (da 4-0 a 4-4), Weidenfeller, il portiere del Borussia, ha ammesso pubblicamente di credere che la svolta della partita sia stata l'espulsione, piuttosto ingenua, di Aubameyang. Insomma: i rapporti sono tesi, e lui vuole andarsene. Qualche like, la pubblicazione di una foto con la maglia rossonera e altri piccoli indizi che avevano anche portato l'ad del Dortmund a parlare di comportamento scorretto dei dirigenti del Milan.

Le speranze del Milan tuttavia non si affievoliscono, Aubameyang in estate ha più volte sottolineato la propria volontà di tornare in rossonero senza tuttavia averne l'effettiva opportunità. Il prezzo, però, è ovviamente alto: parliamo di 60 milioni di euro di cartellino.

Sull'attaccante, stando a quanto affermato da Gazzetta.it, ci sarebbero anche Chelsea, Everton e Liverpool, senza dimenticare che dalla Cina potrebbero essere fatti nuovi tentativi per il centravanti. Insomma: Aubameyang ha un piano di fuga, che prevede molte opzioni.