Boccadifalco, tentato colpo in banca: l'arresto dei rapinatori ripreso dall'elicottero

Boccadifalco, tentato colpo in banca: l'arresto dei rapinatori ripreso dall'elicottero

Preparavano una rapina ai danni della Banca Popolare di Marino. Ma sono stati bloccati da polizia e carabineiri prima che mettessero a segno il colpo. Si tratta di tre conoscenze delle forze dell'ordine arrestate nel corso di una operazione congiunta tra polizia e carabinieri di Latina. Durante i giorni che vanno dell'1 al 3 dicembre uu.ss., i mirati servizi di pedinamento ed osservazione, predisposti nei confronti del terzetto avevano permesso di verificare alcuni movimenti sospetti, dando l'idea che gli stessi stessero pianificando un'azione criminale.

E in effetti, alle prime ore di ieri mattina, i tre si sono dati appuntamento a Pomezia nei pressi dell'abitazione di Franschetti. Subito dopo sono rientrati a Pomezia, entrando in un'area di edilizia residenziale pubblica da dove sono usciti divisi. Nel frattempo gli uomini di un'altra volante hanno notato due soggetti che scendevano dal muro di cinta dei giardinetti e che tentavano di coprirsi il volto con il bavero dei giubbotti mentre raggiungevano un'autovettura parcheggiata poco distante. Intorno alle 14,15 il 27enne si è posizionato lungo la Nettunense, alle spalle della banca, mentre a poca distanza c'erano Ranieri e Franceschetti pronti a scendere dall'auto per entrare.

Sabato sera a Bari i poliziotti della Squadra Mobile hanno arrestato un 19enne incensurato barese. I poliziotti - poi raggiunti dai colleghi di un altro equipaggio - hanno quindi bloccato il giovane, intimandogli di sdraiarsi sul pavimento, per poi immobilizzarlo e arrestarlo. Nel corso della perquisizione sul posto sono stati rinvenuti tre cappelli di lana di colore nero, due scalda collo di colore nero, due taglierini, la riproduzione di una bomba a mano del tipo MK2, due paia di guanti in lattice, 3,3 grammi di marijuana. Il P.M. di turno della Procura della Repubblica di Velletri, informato dell'esito dell'attività investigativa, ha concordato con l'arresto dei tre indagati per il reato di tentata rapina aggravata in flagranza, disponendo la loro traduzione, dopo le formalità di rito, presso il Carcere di Velletri in attesa del giudizio di convalida.