Palermo, Zamparini annuncia: "Vado via a gennaio, alcuni vogliono il mio addio"

Palermo, Zamparini annuncia:

"Fittizia la vendita del marchio per 40 milioni? Gente molto veloce che sceglierà Tedino". Maurizio Zamparini, stando a quanto riportato dai colleghi de La Repubblica, sarebbe preoccupato dalla condizione atletica della squadra e non da precisate manovre contro la società.

"Andiamo ad Avellino a vincere - ha rilanciato il proprietario del Palermo - l'Avellino non è il Cittadella perché non ha la stessa struttura degli ultimi anni ma ha un buon allenatore che ho avuto sia a Palermo che a Venezia". Forse qualcuno pensa che facendo fallire la società, possa poi prenderla a costo zero, ma non conosce il calcio, perché nel calcio ci si rimette sempre. I miei avvocati stanno lavorando ma io sono veramente esterrefatto e penso che non rimarrò a Palermo, mi dispiace. Ma sono convinto che entro quest'anno l'istanza di fallimento verrà rigettata. E anche Cascio si è sentito tradito da lui. Sulla cessione, però, incombe la questione penale. "Il Palermo, una volta ricevuta la notifica da parte della quarta sezione del tribunale fallimentare, ha già iniziato a lavorare sulla strategia difensiva che punterebbe a sciogliere il nodo più grosso, vale a dire l'ipotesi del reato fallimentare che ha spinto i pm a presentare l'istanza per potere perseguire i reati punibili a carico degli amministratori soltanto in presenza di una dichiarazione di fallimento".