Molestie, Ilary Blasi: "A me non è successo"

Molestie, Ilary Blasi:

Ilary Blasi, intervistata da Alessandra Menzani per Libero, parla di molestie, un tema sempre più caldo in queste ultime settimane. E come risponde a chi giudica il suo programma trash?

Io dico pop. Ci possono essere picchi trash e picchi di un altro sapore, ma in generale mi danno ragione i dati d'ascolto, ci guardano da Nord a Sud, tutto lo Stivale. Tuttavia, anche se c'è indecisione nelle parole di Ilary Blasi, ci sono tutte le carte in regola per vedere in tv una nuova edizione del reality show, grazie al successo dei precedenti. Chiaramente non mancano i momenti in cui si trova pienamente in imbarazzo, come l'ultimo della passata settimana con la Clery senza mutande in diretta tv.

Ilary Blasi torna stasera, 13 novembre 2017, al timone del Grande Fratello Vip 2017 con la decima puntata. Poi racconta i personaggi più amati di questo GF Vip 2: "È molto amata Giulia De Lellis, piace molto Daniele Bossari, anche Cristiano Malgioglio a suo modo". Magari poi c'è un'Ivana che zitta zitta arriva in finale.

I Rodriguez ricevono un occhio di riguardo perché fratelli di Belen? "Anche quella è un'esperienza stupenda a livello umano.ma essendo pigra mi metterei comoda dentro a una casa", ammette. E sulla prossima edizione del GFVip, rivela che le piacerebbe condurlo ancora. Il suo vero sogno però resta una conduzione in coppia con Silvia Toffanin, sua cara amica: "Stiamo aspettando di trovare una buona idea, sarebbe carino". Successo alle stelle così come il programma su Italia 1, Le Iene. "Girano aneddoti nei corridoi". A lei personalmente non è mai accaduto, ma cosa pensa invece di chi denuncia dopo 20 anni?

Un tema delicato, su cui Ilary preferisce andarci coi piedi di piombo: "Non so cosa pensare". Fin dalle prime settimane infatti gli argomenti trattati dal programma e le discussioni tra i concorrenti all'interno della casa hanno animato fortemente gli utenti sui social, tanto da spostare il dibattito sui principali salotti televisivi e riuscire a dividere telespettatori e opinione pubblica. Nel mondo del lavoro afferma che il maschilismo c'è sempre, "magari nascosto da una finta parità".