L'Italia spinge sull'acceleratore: PIL sale oltre le attese nel terzo trimestre

L'Italia spinge sull'acceleratore: PIL sale oltre le attese nel terzo trimestre

La crescita tendenziale nel terzo trimestre del 2017 è comunque la più alta da oltre sei anni, esattamente dal secondo trimestre del 2011 quando aveva toccato +2,6%. E' record anche per quanto riguarda il livello del Pil che, sopra quota 400,5 milioni di euro, si attesta ai massimi dal quarto trimestre del 2011.

La variazione acquisita è la crescita annuale che si otterrebbe in presenza di una variazione congiunturale nulla nei restanti trimestri dell'anno. Siamo però ancora sotto i picchi pre-crisi, raggiunti nel 2008, di circa il 5,9%. Non solo. Il Pil dell'Italia nel terzo trimestre ha mostrato una crescita uguale a quella della Francia, superiore a quella della Gran Bretagna, ma inferiore e su questo c'era da aspettarselo a quanto fatto dagli Usa. Nello stesso periodo, infatti, il Pil è aumentato in termini congiunturali dello 0,7% negli Stati Uniti, dello 0,5% in Francia e dello 0,4% nel Regno Unito. La variazione acquisita per il 2017 è pari a +1,5%. Sempre su base annua, il Paese dell'Eurozona che cresce di più è la Lettonia (6,2%), seguito da Cipro (3,9%), mentre Belgio (1,7%) e Italia (1,8%) quelli che crescono meno. A rivelarlo sono i dati Istat, nelle stime preliminari.

La crescita del Pil italiano è dovuto all'aumento del valore aggiunto nei settori dell'industria e dei servizi, nonostante una flessione nel settore agricolo.