Esercito, Digos e agenti in borghese: così Ostia si prepara al ballottaggio

Esercito, Digos e agenti in borghese: così Ostia si prepara al ballottaggio

Una riunione "straordinaria" visto che al tavolo sono presenti il ministro dell'Interno Marco Minniti, il commissario straordinario di Ostia Domenico Vulpiani, un rappresentate della Procura Distrettuale Antimafia e la sindaca di Roma Virginia Raggi che commenta la delicata riunione: "Le istituzioni devono essere presenti, apprezzo molto l'iniziativa del prefetto - dice a margine di un incontro a Montecitorio - L'apprezzo ancora di più perché ha voluto tenere il comitato sul territorio ad Ostia, un segno di forte presenza delle istituzioni". Se tutti i 183 seggi saranno presidiati come di consueto con l'impiego delle forze dell'ordine normalmente previsto alle elezioni, in questa circostanza la vigilanza sarà rafforzata con l'impiego di forze in borghese nelle sezioni elettorali considerate più a rischio. Con questo obbiettivo il prefetto di Roma, Paola Basilone, ha convocato il Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica a Ostia anche e soprattutto in vista del ballottaggio del 19 novembre. Il voto arriva dopo due anni di commissariamento del X Municipio, seguito allo scioglimento per mafia, e proprio per questo il gesto dell'esponente della famiglia Spada, interrogato in merito ai rapporti con Casa Pound, il movimento di estrema destra che ha totalizzato il 9% dei consensi al primo turno, ha fatto suonare un campanello d'allarme.

E proprio per mettere in sicurezza il voto di domenica si è svolto il Comitato Provinciale per l'ordine pubblico e la sicurezza con il ministro durante il quale è stato preparato il piano di prevenzione. Ma - ha spiegato il Ministro - soltanto la solidarietà nei confronti del giornalista non basta: era necessario infatti dare un segnale forte, una risposta ferma. "Chiediamo ai cittadini di dare una risposta di isolamento ai criminalità e ai violenti, spendo che la maggior parte è fatta di cittadini per bene".

Raggi ha invece ribadito "l'importanza di andare al voto".

"Il nostro obiettivo è liberare Ostia e il suo litorale dai condizionamenti mafiosi e della criminalità organizzata e comune Su questo garantisco un impegno costante e senza pausa". Ostia "è una città nella città e così stiamo dando un aiuto alle forze per liberarsi dai condizionamenti criminali e mafiosi", ha concluso. "Quello che dobbiamo fare tutti insieme è isolare le poche mele marce che rischiano di gettare discredito su un territorio che ha grandissime potenzialità".