Elezioni di Ostia, trionfa il M5S

Elezioni di Ostia, trionfa il M5S

Nel pubblico la presidente neoelettta del X Municipio Giuliana Di Pillo.

A difesa della neo mini-sindaco del litorale, ecco schierarsi prontamente il Movimento 5 Stelle che, dalla propria pagina Facebook, ha condannato le accuse provenienti da Fratelli d'Italia ed ha annunciato la battaglia: "Le dichiarazioni di Monica Picca e Fabio Rampelli sono gravi e diffamatorie: stiamo andando a denunciarli ai carabinieri". Un altro terremoto si abbatte sulla giunta Raggi. Nel Movimento 5 stelle potrebbero essere confluiti i voti della della sinistra a sostegno di Don Franco De Donno ( 5.600 sostenitori), come quelli dell'autonomista, Andrea Bozzi (3.6000 elettori) e Eugenio Bellomo (Prc, 2.300 elettori).

"È la vittoria di tutti i cittadini e della voglia di rinascita" dice la neoeletta. E poi va a Ostia per festeggiare la Di Pillo: "Stiamo tra i cittadini e sentiamo che sono con noi per il cambiamento", ha detto Raggi.

I rappresentanti della Casaleggio & Associati hanno perso infatti una barca di voti reali rispetto alle comunali di un anno e mezzo fa e nell'astensione si può paradossalmente trovare la vera chiave di una vittoria che, al netto delle peculiarità territoriali, ci consente una serie di considerazioni in proiezione nazionale.

Tuttavia se analizziamo le due situazioni analoghe pur se opposte, in maniera seria e riflessiva, ci accorgiamo che si tratta di realtà estremamente complicate dove il vincitore si trova di fronte situazioni di difficile risoluzione e sarà obbligato, se ne avrà la forza e la competenza, a fare scelte forti e senza un concreto appoggio del governo centrale. Mancano 15 settimane alle elezioni politiche.