Ekdal: "Avete parlato troppo di arbitro ieri sera…"

Ekdal:

E il ct Janne Andersson non si nasconde.

"Secondo me non siamo stati favoriti dall'arbitro". Albin Ekdal ha visto da vicino per sette anni il calcio italiano e conosce bene pregi e difetti del nostro modo di pensare al pallone. La nostra forza è il collettivo e Augustinsson è un giocatore importante: "lavora con grandissimo impegno e quello che dicono gli italiani mi interessa relativamente".

Obiettivo segnare un gol: "La partita si deciderà in campo domani, è l'unica cosa che mi interessa. Tavecchio ha chiamato Infantino? Ho raggiunto traguardi di livello in Svezia, ma partecipare a un Mondiale sraebbe un'altra storia.".

Sulle percentuali di qualificazione: "Non lo so, il 47, 48, 50%. noi vogliamo andare al Mondiale, questo è poco ma sicuro".

Infine il Ct svedese spiega che gara si attende da parte dell'Italia: "Non ci aspettiamo una squadra subito offensiva, per loro il rischio di prendere un goal è troppo alto. In Italia ci sono molti problemi da sistemare". Ma va bene così, questa è la loro idea. "La pressione è ancora tutta sull'Italia, una grande nazione dal punto di vista calcistico, praticamente non ha mai mancato i Mondiali. Abbiamo grande fiducia nell'arbitro di domani". "E' fondamentale non offrire contropiede e occasioni all'Italia", ha aggiunto il difensore ex Genoa. Se facessimo gol, la gara sarebbe in discesa per noi.