Direzione Pd, Renzi: "Dobbiamo parlare al Paese rivendicando ciò che abbiamo fatto"

Direzione Pd, Renzi:

"Con la coalizione che faremo, anche se non fosse la piu ampia come io auspico, noi siamo già avanti agli altri". Il segretario Pd lo ha detto parlando in direzione: "Vogliamo o no aprire un dibattito serio sia alla nostra sinistra che al centro dello schieramento su quello che possiamo fare insieme?" E tuttavia credo che sia cruciale che l'area dei moderati e dei centristi sia coinvolta il più possibile. E poi coinvolgere i radicali e l'ala più a sinistra come Campo Progressista, cercando di non mettere veti a Mdp: "vogliamo il dialogo a sinistra in primis con Cp, e vogliamo un confronto con Mdp, SI e Possibile" le sue parole.

"Non faremo passi indietro sulla rivendicazione del passato" ha detto Renzi. Non vuole rinnegare il Jobs Act, lo ripete oggi, ne' gli 80 euro, ne' l'accordo con la Libia sui migranti. "Non condivido l'idea che la legge elettorale approvata costringa meramente a un mero apparentamento tecnico". Ovviamente la sfida - ha sottolineato Renzi - è il futuro e il futuro è una pagina totalmente bianca da scrivere e o la scriviamo noi o la destra e noi dovremo deciderci se essere capaci di continuare una storia di progresso o tornare ad una storia che sembrava chiusa 6 anni fa.

A proposito di alleanze, Renzi ha spiegato di voler "proporre un progetto vero a chi vuole condividere con noi". "Mi hanno accusato di perseguire la filosofia del'uomo solo al comando. Per il mondo della sinistra voglio chiedere a Piero Fassino di darmi una grande mano vista la sua esperienza di segretario dei Ds".