Agrigento, arrestato per estorsione candidato della lista M5S alle regionali

Agrigento, arrestato per estorsione candidato della lista M5S alle regionali

Se ci fosse riuscito, sarebbe stato il primo degli i deputati regionali grillini.

La squadra mobile di Agrigento ha arrestato questa mattina Fabrizio La Gaipa, 42 anni, imprenditore e candidato per il Movimento 5 Stelle ad Agrigento (è stato il primo dei non eletti).

La Gaipa è accusato di una presunta estorsione a due dipendenti, costretti a firmare false buste paga. I poliziotti guidati da Giovanni Minardi, hanno eseguito un provvedimento del Gip del Tribunale di Agrigento, su richiesta del pubblico ministero Carlo Cinque, dopo una delicata attività investigativa condensata in un rapporto giudiziario che metteva a nudo, grazie anche ad intercettazioni, una vicenda legata all'attività di imprenditore alberghiero (La Gaipa è titolare dell'Hotel Costazzurra di San Leone). Fino ad agosto era anche presidente del Consorzio Turistico Valle dei Templi. Nel collegio provinciale il M5s, con 47.479 preferenze (il 27,34%), è risultato essere la prima lista. Secondo gli inquirenti i dipendenti avrebbero percepito stipendi inferiori rispetto a quelli dichiarati: da qui l'accusa di estorsione nei confronti di La Gaipa.

L'inchiesta sarebbe in corso da mesi e durante questo tempo sarebbero stati ascoltati i dipendenti e numerosi altri testimoni, acquisita documentazione bancaria e contrattuale nonchè vari altri documenti ma il fascicolo sarebbe stato 'congelato' durante la campagna elettorale per scelta della Procura che adesso sarebbe pronta alla formulazione dei capi d'accusa.