Violenze sessuali su minori in cambio di 20 euro

Per questo dopo l'arresto, i militari lo hanno condotto nella clinica Villa Chiarugi per essere ricoverato.

Nella provincia di #Salerno la polizia ha arrestato un uomo di 37 anni residente a Cetara con l'accusa di essere un pedofilo. In particolare, i due offrivano venti euro ai ragazzini della scuola calcio per avere rapporti sessuali.

Stando alle prime informazioni che sono state raccolte, l'uomo era già in libertà vigilata con obbligo di cura, perchè era solito infastidire i ragazzini. Il più vecchio, invece, si trova in carcere.

Il 37enne, fino a qualche settimana fa, si masturbava alla presenza dei piccoli, ma col tempo aveva tentato approcci diretti, importunandoli nei bagni di un campo sportivo.

Ma, ulteriori approfondimenti investigativi, hanno fatto emergere gravi indizi anche nei suoi confronti. È la terribile pratica che un 37enne di Cetara portava avanti con ragazzini di meno di quattordici anni. Una vicenda di cui molti erano a conoscenza, considerate che sono state numerose le richieste di intervenire fatte pervenire ai carabinieri.

Come prova di quello che avveniva ci sarebbe anche un video che è stato girato proprio dai ragazzini e che successivamente è stato inviato agli amici tramite WhatsApp. Soltanto uno ha ammesso di aver preso 20 euro, che peraltro gli erano stati buttati sul pavimento del bagno, per masturbare il 37enne. In cambio, il ragazzino avrebbe dovuto masturbarlo. Altri hanno negato di aver avuto rapporti con l 37enne, ma hanno confermato di aver sentito storie di ragazzi che avrebbero acconsentito a soddisfare, sotto pagamento, i desideri sessuali dell'uomo. Si tratta di un muratore, celibe. Anche lui dovrà rispondere dell'accusa di pedofilia. Per L.A. infatti è stato disposto il carcere in una cella di isolamento presso il penitenziario di Vallo della Lucania. Ad emettere questi provvedimenti è stato il gip, Stefano Berni Canani.