Tim ribadisce: "Nessun obbligo di notifica"

Il comitato sul golden power, istituito in agosto a Palazzo Chigi, ha deciso di avviare il procedimento per comminare una multa al gruppo telefonico. Comunicazione poi arrivata dai francesi ma solo il 15 settembre.

Una nota della società sottolinea che "alcun rilievo assume l'asserita acquisizione del controllo di Tim da parte di Vivendi, con riguardo alla quale, ferme restando le autonome valutazioni circa la sussistenza dello stesso, è utile ricordare che nessun onere di notifica è previsto in caso di trasferimento del controllo verso un soggetto comunitario". Decisione contro la quale il CdA ha confermato di voler fare ricorso.

Il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, ha dato per scontato che il golden power sarà esercitato. Tornano al capitolo CdA, ieri si sarebbe riunito il comitato nomine e remunerazione per fare il punto sulla successione a Cattaneo dopo che le deleghe, con l'uscita di Cattaneo, sono andate al Presidente Arnaud de Puyfontaine tranne quella su Sparkle affidata al vicepresidente Giuseppe Recchi.