Scontro pm Milano, gup assolve Robledo

Scontro pm Milano, gup assolve Robledo

Cala il sipario, forse una volta per tutte, sullo "scontro" in Procura a Milano che negli anni scorsi ha visto contrapposti l'ex capo Edmondo Bruti Liberati e l'allora responsabile dell'anticorruzione Alfredo Robledo, oggi prosciolto a Brescia al termine dell'udienza preliminare in cui era imputato per abuso di ufficio.

Non c'è stato bisogno nemmeno di un processo: è bastata l'udienza preliminare perché il gup di Brescia Paolo Mainardi decidesse di chiudere definitivamente l'accusa (infamante) per il procuratore aggiunto Alfredo Robledo di abuso d'ufficio per la custodia affidata a una banca di un milione di euro sequestrato durante una vecchia inchiesta sui derivati condotta quando era la punta di diamante dell'anticorruzione a Milano.

L'importo era stato depositato sui conti di due istituti brianzoli, la Banca di credito cooperativo di Carate Brianza e quella di Barlassina, sotto la responsabilità dei tre professionisti che poi si videro liquidare per il lavoro il relativo compenso dalla stessa procura milanese. A denunciare Robledo era stato proprio Bruti Liberati.

L'ex aggiunto aveva ribattuto di risiedere a Milano dal 2001. Secondo l'accusa, quel denaro doveva invece essere custodito dal Fondo unico giustizia (Fug).

Sull'intera vicenda era stato aperto un procedimento disciplinare a carico di Robledo che è stato archiviato nel dicembre del 2014 dal procuratore generale della Corte di Cassazione che in quell'occasione aveva stabilito come negli atti di Robledo non si fosse verificata alcuna violazione di legge. Bruti Liberati aveva segnalato al Csm le parcelle dei custodi sostenendo che "non risulta motivazione" della scelta della Banca di Carate, ma segnalando che "Robledo risiedeva a Carate fino al 2008". Nel febbraio 2015 Robledo era stato trasferito a Torino, con funzioni di giudice (poi e' tornato pm), dal Csm per il presunto "scambio di favori" che avrebbe avuto con l'avvocato della Lega Nord Domenico Aiello. In virtù di un accordo extragiudiziale, il Comune ha comunque incassato 455 milioni da Ubs, Deutsche Bank, Depfa Bank e Jp Morgan.