Orio, scoperti cacciatori con 1200 uccelli morti in valigia

Orio, scoperti cacciatori con 1200 uccelli morti in valigia

L'intervento è stato effettuato presso l'aereoporto di Orio al Serio; ha permesso di scoprire oltre 1.119 volatili trasportati all'interno dei bagagli di otto passeggeri italiani in arrivo da Bacau.

"1.119 tra pispole, voltulini, tottovilli, lucherini, ballerine, fanelli, cardellini e strillozzi". Si tratta di specie protette e quindi gli uccellini sono stati abbattuti illegalmente e poi trasportati in Italia.

Fondamentale e molto efficace nella circostanza si è dimostrata la sinergia tra l'Agenzia delle Dogane, l'Arma dei Carabinieri e la Guardia di Finanza. Le indagini erano partite nel bresciano: i carabinieri della Forestale, impegnati nell'"Operazione Pettirosso", a tutela della specie migratoria proveniente dal centro e dal nord europa, di cui è vietata la caccia, hanno avuto informazioni sulla spedizione rumena degli otto amici appassionati di arte venatoria, come riferisce BergamoNews. Per questo i controlli doganali a contrasto della detenzione illegale di specie protette sono stati intensificati. L'azione dei finanzieri, nella specifica materia, mira a tutelare anche il mercato nazionale, visto che l'Italia rappresenta con le sue aziende manifatturiere uno dei più grandi poli di produzione di articoli derivati proprio da esemplari protetti.

Stavano tornando dalla Romania con oltre mille uccellini in valigia, tra questi numerosi esemplari di specie in via di estinzione.