Milik Napoli, verso il prestito al Chievo

Milik Napoli, verso il prestito al Chievo

La capolista del campionato potrebbe così, se lo scenario prefigurato dal noto giornalista si rivelasse reale, consentire all'attaccante polacco, classe 1993, di recuperare dall'infortunio godendo di una maggiore continuità di impiego nel club clivense, riportandolo in maglia azzurra al termine dell'attuale stagione nell'auspicio che ripristini la condizione ideale. Stiamo raccogliendo i frutti di un lavoro iniziato con Rafa e proseguito alla grande da Sarri, con il fiore all'occhiello dei bilanci sempre in regola e senza aver mai sforato il fair play finanziario. Quello sì. In estate ero stato criticato per non aver fatto un mercato roboante. "Sono scaramantico all'ennesima potenza".

OBIETTIVI - "In Europa, dobbiamo preoccuparci soltanto di superare il turno, non di vincere tutte le partite". Ingiuste le critiche dopo il k.o. con lo Shakthar. Le sue affermazioni ci hanno caricato, non vorrei che i complimenti di Pep li deconcentrassero. Per noi potrebbe essere una partita quasi impossibile. Poi, però, li aspetteremo a Napoli... "Bisogna valutare tutto, Sarri è un ottimo stratega". La prossima settimana ci sarà uno scontro diretto molto interessante contro l'Inter allo stadio San Paolo.

"No: mi fido della crescita di Sarri, che prima non aveva mai avuto un organico così importante. Devo fargli i complimenti per come ha imparato a gestire il gruppo, riesce a trarre il massimo da ogni giocatore". La mia gestione non ha debiti e dal ritorno in A siamo sempre in Europa. "Inglese rientrerebbe subito in azzurro, mentre Milik giocherebbe in gialloblu la seconda parte di stagione per recuperare a pieno la forma".