Istat: "Prospettive di crescita favorevoli per l'Italia"

Istat:

"Il reddito disponibile delle famiglie consumatrici è aumentato dello 0,2% rispetto al trimestre precedente, mentre i consumi sono cresciuti dello 0,4%". La stima dei Conti economici trimestrali diffusa lo scorso primo settembre, invece, aveva rilevato una variazione congiunturale pari a +0,4%.

Cosi' indica Fitch in un report sull'Italia pubblicato oggi, nel quale si ricorda che il pil del Belpaese nel secondo trimestre del 2017 e' salito dello 0,4% rispetto al trimestre precedente e dell'1,5% su base annua, come non succedeva dal secondo trimestre del 2011.

Il saldo corrente è risultato anch'esso positivo, con un'incidenza sul Pil del 3,1% (2,9% nel 2016). Nello stesso trimestre in oggetto, la pressione fiscale è stata pari al 41,8%, invariata rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

"Il potere d'acquisto delle famiglie consumatrici è rimasto invariato rispetto al trimestre precedente - continuano dall'ente statistico dello Stato -, a fronte di un aumento dello 0,2% sia del reddito disponibile, sia del deflatore implicito dei consumi".

Su base annua comunque, si è assistito ad una diminuzione dell'indebitamento pari allo 0,2%, dal 2,6% del 2016.

In Italia le prospettive di crescita dei prossimi mesi sono "favorevoli". Il presidente dell'Istat Giorgio Alleva sottolinea che la lotta al sommerso e all'evasione fiscale è strategica per lo sviluppo dell'economia italiana.

Nello scorso settembre, l'indice del clima di fiducia dei consumatori ha registrato un incremento significativo.

Alleva ha parlato di "segnali di miglioramento dell'economia", la cui crescita è trainata anche dalla domanda di investimenti in macchine e attrezzature.