CIR, i numeri dei primi nove mesi del 2017

Nel periodo in esame i ricavi sono cresciuti del 5,6% a 2,057 miliardi, mentre l'Ebitda si è attestato a 216,4 milioni di euro (+12,5%).

Il Gruppo ha chiuso i primi nove mesi di esercizio con un utile netto negativo per 26 milioni di euro rispetto al dato positivo di 37,4 milioni messi a bilancio nello stesso periodo dell'anno precedente. La crescita - si spiega - è dovuta soprattutto al maggiore ebitda di Sogefi.

Il contributo delle controllate industriali al risultato netto, prima del citato onere fiscale, è salito a 32 milioni di euro, rispetto a 27,2 milioni nel 2016.

Escludendo l'onere fiscale sostenuto da GEDI, per ier il 2017 vertici di CIR prevedono di confermare il risultato positivo conseguito nei primi nove mesi, fatti salvi ulteriori eventi di natura straordinaria allo stato non prevedibili.

L'indebitamento netto, a fine settembre, ammontava a 131,93 milioni di euro, in calo rispetto ai 143,57 milioni di inizio anno.