Tutte le bufale sui vaccini secondo il ricercatore Burioni

Tutte le bufale sui vaccini secondo il ricercatore Burioni

A far chiarezza su alcune delle fake news che più circolano in rete ci ha pensato il professor Burioni, medico e ricercatore. Dagli asili autogestiti dai genitori anti vaccinazioni, alle richieste delle asl delle autocertificazioni per le 10 vaccinazioni obbligatorie per permettere l'accesso alle scuole di vario grado. Non è vero. Chi è vaccinato diventa infettivo. Ci sono moltissimi studi che confermano che fra autismo e vaccini non c'è alcuna relazione. Se il vaccino avesse un ruolo nell'autismo tra i vaccinati ci sarebbe una maggiore incidenza, ma non accade.

I vaccini indeboliscono le difese dei bambini.

. E' falso. I vaccini, anzi, stimolano e rafforzano naturalmente le difese immunitarie. Burioni sottolinea che sostanzialmente vengono somministrati con le stesse tempistiche e con le stesse modalità in tutti i Paesi. Per capire questi numeri basti penare ai 4400 casi di morbillo che ha fatto correre ai ripari l'Italia. Non è vero che i vaccini vengono somministrati troppo presto. I tempi delle vaccinazioni sono messi a punto sulla base di studi molto ampi per garantire da un lato la massima sicurezza e dall'altro la più alta protezione possibile. La somministrazione da piccolissimi serve proprio per proteggere il bambino nella fase di maggior rischio di contrarre determinate malattie con conseguenze pericolose. Non è vero. I vaccini hanno gravi effetti collaterali. In realtà i vaccini sono fra i farmaci più sicuri, e l'incidenza di effetti collaterali importanti è estremamente bassa, circa un caso su un milione. Non è vero. I vaccini sono un grande affare per le case farmaceutiche. Nemmeno questo è vero, dal momento che, ad esempio, nel 2015 il fatturato dei vaccini è stato l'1,4% della spesa farmaceutica. I farmaci contro una sola malattia, come ad esempio l'epatite C, hanno fatturato sei volte tanto. Il vero affare per le case farmaceutiche sono quindi le persone non vaccinate. Non è vero. I vaccini sovraccaricano il sistema immunitario. I vaccini solo 200. Un graffietto sulla pelle mette in contatto il sistema immune del bambino con alcuni milioni di antigeni, una puntura di zanzara per esporlo a molte migliaia.

Vaccini causano l'autismo? L'incidenza di questo disturbo è identica nei bambini vaccinati e in quelli non vaccinati. Quanto raramente? Sette casi (senza alcuna conseguenza) in 22 anni.