Trovata plastica nell'acqua potabile di tutto il mondo: è allarme sulla contaminazione

Trovata plastica nell'acqua potabile di tutto il mondo: è allarme sulla contaminazione

Nell'acqua corrente di tutto il mondo sono state rinvenute fibre di plastica microscopiche. A dare voce a questa rivelazione choccante è stato il quotidiano britannico Guardian che in esclusiva ha pubblicato i risultati di uno studio condotto da un'organizzazione non profit di Washington, la Orb Media. Il test, progettato dalla professoressa Sherri Mason, direttrice presso il Dipartimento di Geologia e Scienze ambientali dell'ateneo newyorchese, è stato effettuato su 159 campioni d'acqua potabile provenienti da metropoli e piccole città dei cinque continenti. Il primato della contaminazione spetta agli Stati Uniti, con fibre di plastica che sgorgano dal 94% dei rubinetti, compresi quelli del Congresso, del quartier generale della Environmental Protection Agency (Epa) e perfino nella Trump Tower del presidente Donald Trump. Seguono Libano e India. La piu bassa percentuale di contaminazione e' stata registrata in Europa, e in particolare nel Regno Unito, in Germania e in Francia, ma e' comunque pari al 72% dei casi.

Affiancando quest'ultima analisi ad altri studi viene segnalato che le fibre di plastica sono presenti ovunque: negli oceani, nelle acque dolci, nel suolo e nell'aria. La media numerica di fibre rintracciate ogni 500 ml di acqua va dal 4,8% negli Usa all'1,9% in Europa. Dalle analisi è emerso che l'83 percento dei campioni fosse contaminato dalle microplastiche.