Tim Cook festeggerà la maturità dell'Osservatorio Giovani-Editori

Tim Cook festeggerà la maturità dell'Osservatorio Giovani-Editori

"Quest'anno" Il Quotidiano in classe", l'iniziativa di punta dell'Osservatorio guidato dal presidente Andrea Ceccherini, taglierà il nastro dei 18 anni. Adesso è la volta del leader dell'azienda di Cupertino, la società che vanta la capitalizzazione più alta al mondo. Un ciclo di appuntamenti pubblici, organizzati dall'Opge, che in quattro anni ha consentito agli studenti di confrontarsi da pari a pari con i big dell'economia mondiale: dal presidente di Google Eric Schmidt al ceo di 21st Century Fox James Murdoch sino al fondatore di WhatsApp Jan Koum. Un "progetto dedicato a sviluppare il pensiero critico dei giovani, che nell'era dominata dalle fake news e dalle post verita', ha conquistato un ruolo da protagonista, assolvendo ad un bisogno tra i piu' avvertiti e contemporanei: quello di allenare i giovani a distinguere le fonti credibili da quelle che non lo sono, insegnando loro a riconoscere l'attendibilita' di una notizia".

Si tratta di un esercizio fondamentale che l'Osservatorio intende calare sempre più nella contemporaneità, tenendolo all'assoluta avanguardia nell'era digitale, per farne un modello di riferimento a livello globale. Negli ultimi mesi inoltre è stato realizzato un think tank internazionale di cui fanno parte anche i direttori esecutivi di The New York Times, The Wall Street Journal e Los Angeles Times, un'idea nata con l'obiettivo di fare del progetto di media literacy dell'Osservatorio un esempio da seguire a livello globale. Inserito nella lista di Forbes 2016 come uno degli uomini più potenti del pianeta, Tim Cook è l'ultimo grande ospite dell'Osservatorio e dei suoi "Nuovi incontri per il futuro" che vedono di fronte i lettori di domani e i grandi leader del mondo hi-tech.