Samsung guarda avanti con il processo produttivo a 11 nanometri

Samsung ha presentato, innanzi tutto, il processo produttivo 11LPP (11 nm FinFET LPP, Low Power Plus) che è da oggi accessibile anche ai clienti dell'azienda sudcoreana e che sarà sfruttato per realizzare processori di fascia media e alta. Questo nuovo processore, afferma Samsung, sarà del 15% più efficiente rispetto al "vecchio" chipset da 14 nm, che possiamo trovare nelle serie A e J 2017, ed è del 10% ridotto in dimensioni pur mantenendo lo stesso livello di consumi.

Il colosso coreano, ha annunciato l'arrivo di un nuovo chipset "FinFET da 11 nm" per i device di fascia medio-alta.

Samsung prevede di avere pronta la nuova tecnologia di processo FinFET per la produzione di massa nella prima metà del 2018.

Samsung ha inoltre confermato che lo sviluppo della tecnologia di processo da 7LPP con la tecnologia litografica EUV (extreme ultra violet), puntando alla produzione di massa nella seconda metà del 2018. Stando a quanto dichiarato, la società orientale avrebbe già gestito circa 200.000 wafer di silicio con la tecnica EUV riuscendo a ottenere una resa dell'80% nella produzione di chip SRAM da 256 Megabit.

Samsung continua spedita nel suo piano di arrivare, nel 2020, a produrre chip a 4 nanometri.