Rosolini: femminicidio camuffato da incidente domestico, arrestato il compagno

Rosolini: femminicidio camuffato da incidente domestico, arrestato il compagno

Doveva sembrare un incidente, una bombola del gas che, esplodendo, aveva ridotto in fin di vita Laura Tirri, 32 anni di Rosolini, a causa delle gravissime ustioni riportate. Sembrava dunque un tragico quanto banale incidente domestico ma in realtà, si è scoperto che ad ucciderla sarebbe stata il compagno Sebastiano Iemmo. L'uomo infatti avrebbe confessato l'omicidio parlandone al telefono con la madre e con il figlio minore.

La donna è stata portata immediatamente all'ospedale, dove però è morta dopo 18 giorni. Gli sviluppi delle indagini hanno poi fatto emergere l'ipotesi dell'omicidio. Adesso è rinchiuso in carcere e deve rispondere di femminicidio, maltrattamenti in famiglia nei confronti di un minorenne e incendio. Nella conferenza stampa di oggi in procura verranno fuori i dettagli dell'indagine. Parteciperanno il procuratore capo Francesco Paolo Giordano, il sostituto Salvatore Grillo e gli investigatori della polizia di stato che hanno svolto le indagini.