Regionali: è ufficiale la candidatura di Nello Musumeci a presidente

Regionali: è ufficiale la candidatura di Nello Musumeci a presidente

Lo stato maggiore del centrodestra siciliano è tutto nella sala stampa dell'Assemblea regionale siciliana, per stringersi attorno al candidato alla presidenza Nello Musumeci. Gaetano Armao e Roberto Lagalla entrano nella "squadra" di Musumeci, convergendo su un progetto politico "sposato" da Diventerà Bellissima, Forza Italia, Siciliani Indignati, Energie per l'Italia, Udc, Mpa, Cantiere popolare, Idea Sicilia, Fratelli d'Italia, Noi con Salvini, dal Movimento Nazionale per la Sovranità. Per questo ringrazio Musumeci, Armao e Lagalla per la loro intelligenza, perché tutti hanno capito che si poteva fare un passo indietro e di lato per far fare un passo in avanti alla Sicilia. I commenti non devono necessariamente rispettare la visione editoriale de Il Sole 24 ORE ma la redazione si riserva il diritto di non pubblicare interventi che per stile, linguaggio e toni possano essere considerati non idonei allo spirito della discussione, contrari al buon gusto ed in grado di offendere la sensibilità degli altri utenti. "Nello portaci alla vittoria" grida Miccichè, che precisa: "Abbiamo fatto pace anche se non avevamo litigato". C'erano Gianfranco Miccichè per Forza Italia, Ignazio La Russa per Fratelli d'Italia, il commissario dell'Udc Antonio De Poli e tutti i vertici dei partiti della coalizione di centrodestra.

"La politica deve tornare autorevole, non deve vergognarsi di sé stessa. Bisogna lavorare sul lavoro che non c'è, sulle aziende, sui nostri figli che se ne vanno".

Musumeci ha poi delineato il programma che metterà in campo da subito: "La campagna elettorale inizierà domani - ha detto - tutti mobilitati a parlare alla gente". La discontinuità è importante non solo nelle parole ma soprattutto nella sostanza dei rapporti tra di noi. Per questo voglio ringraziare i leader delle forze politiche, a cominciare da Gianfranco Micciché. Quindi l'ex candidato sindaco di Milano getta lo sguardo oltre: "L'unità trovata su Nello Musumeci è un'unità anche a livello nazionale".

Il Movimento 5 Stelle, a questo punto, è l'unico reale avversario in grado di tenere testa al centro-destra compatto con Giancarlo Cancelleri, già sostenuto durante tutti e cinque gli anni di Governo Crocetta.