Lite tra colleghi nel deposito bus: grave dirigente Stie

Lite tra colleghi nel deposito bus: grave dirigente Stie

Il dirigente cade a terra, batte violentemente il capo e perde i sensi.

È in prognosi riservata il dirigente Stie che ha subito una violenta aggressione da parte di un dipendente. La Stie, società che opera nel settore trasporto persone dal 1880 dapprima come tramvia ed in seguito (dal 1951) come servizio automobilistico su gomma, ha la sua Direzione d'Esercizio a San Vittore Olona e depositi nella stessa città oltre che in altre sedi. Solo l'intervento dei colleghi presenti ha evitato la tragedia.

Colpito più volte al viso dall'aggressore, che ha sferrato calci e pugni in modo incontrollato, il dirigente è rimasto a terra con diverse fratture: la vittima si trova attualmente in coma farmacologico, dopo essere stato soccorso dal personale del 118, chiamato e arrivato tempestivamente; il responsabile è stato invece tratto in stato di arresto dai carabinieri. Soccorso dapprima dai dipendenti attirati dal trambusto, l'uomo è stato portato all'ospedale e ricoverato in Rianimazione.

E' successo nel deposito di bus di San Vittore Olona dove il 53enne residente a Varese aveva convocato un dipendente, un 57enne di San Giorgio su Legnano che si occupa della distribuzione dei biglietti ai rivenditori, per un richiamo. Anche il dipendente ha riportato qualche lieve escoriazione alle mani ed è stato medicato e subito dimesso dall'ospedale. Dovrà rispondere dell'accusa di tentato omicidio. Entrambi, dirigente picchiato e funzionario, erano da tempo alla Stie: il dirigente vi lavorava da 10 anni, il funzionario addirittura da 27.