'L'inganno', eleganza di Sofia Coppola sulla performance dell'essere donna

'L'inganno', eleganza di Sofia Coppola sulla performance dell'essere donna

Dal libro era già stato tratto un film, dalle atmosfere molto diverse: La notte brava del soldato Jonathan di Donald Siegel, con Clint Eastwood nei panni del protagonista. Tra i protagonisti Colin Farrell, Nicole Kidman, Kirsten Dunst, Elle Fanning oltre a Emma Howard, Oona Laurence, Angourie Rice e Addison Riecke.

Nuovo lavoro per la figlia d'arte, Sofia Coppola, che torna con L'inganno ad esplorare un universo femminile fatto di tante sfaccettature e mille volti.

Il problema di "L'inganno" però, più che in altri casi, è che la domanda 'Perché ha voluto raccontare questa storia?' non riesce mai a trovare una risposta, se non l'ovvia presenza di un gruppo di personaggi femminili interessanti su cui basare un'indagine di rapporti. Premio ineccepibile: nell'"Inganno" anzi la regista dimostra di non saper solo maneggiare uno stile pop, cool e barocco come nei suoi film più fortunati ("Marie Antoinette"), ma di saper abbassare i toni e lavorare su pochi elementi con squisita eleganza: una tavolozza di colori tra il beige e l'ocra, tutt'altro che squillante, un lavoro sul suono che tiene in lontananza i rumori della guerra, tocchi di consapevole ironia, un lavoro preciso e carico di senso sulle apparenze (i vestiti) e i rituali femminili. Quando scoppiò la Guerra Civile, Il collegio per giovani donne Miss Martha Farnsworth venne protetto dal mondo esterno fino al giorno in cui un soldato ferito dell'Unione venne trovato nelle vicinanze e portato al riparo. La casa è così inebriata da una forte tensione sessuale da cui nascono pericolose rivalità e vengono rotti tabù, grazie a un'inaspettata serie di eventi. In competizione per la Palma D'oro alla scorsa edizione del Festival Cannes, la pellicola ha permesso alla regista newyorkese di vincere il premio come Miglior Regia proprio sulla Croisette. La sceneggiatura è stata scritta dalla stessa Coppola. Molta enfasi è posta anche nel sottolineare il carattere ambivalente dei personaggi femminili all'interno del film, viste sia come un'elemento salvifico che come folli perverse, "delle streghe", per citare la divertita definizione della giovane Elle Fanning.

Il film sarà rilasciato in Italia il 21 settembre 2017. "Penso che le dinamiche fra donne cambino quando c è un uomo nei paraggi, e quello che mi ha affascinato è anche il gioco di potere fra donne e uomini, che viene intensificato e posto al centro di questa storia".