Juventus, Inzaghi futuro allenatore? Il tecnico: "Mai dire mai"

Juventus, Inzaghi futuro allenatore? Il tecnico:

Lo scorso anno i rossoneri hanno concluso il campionato al 6° posto e contro le cinque che hanno preceduto gli uomini di Montella, tra andata e ritorno, i rossoneri hanno ottenuto due sole vittorie (contro Juve e Lazio a San Siro), tre pareggi (due con l'Atalanta e uno all'Olimpico contro la Lazio) e ben cinque sconfitte (contro Napoli, Roma e Juventus allo Stadium). "Avrei voluto giocarmela al completo, ma ci vorrà ancora un po' di tempo per recuperare gli infortunati - ha spiegato Inzaghi - Felipe ha un problema fisico importante e da non sottovalutare: penso non potrà essere di nuovo disponibile prima di ottobre". Ecco le sue parole: "Dopo aver vinto 4 a 1 sul Milan si sta bene: abbiamo fatto un'ottima partita, meritandoci la vittoria e il risultato". Quando hanno detto che poteva esserci la sospensione del match mi sono dispiaciuto perché sapevo che avremmo fatto una grande partita. Abbiamo cercato di limitarlo perchè è il miglior play in Europa. "Al giorno d'oggi nel calcio si deve aiutare e lui aiuta sempre tutta la squadra".

BIGLIA - "E' un grandissimo giocatore, che ho rivisto con piacere". Ieri Immobile si è portato a casa il pallone con una tripletta dove ha segnato in ogni maniera: su rigore, di destro al volo e di piatto sinistro, senza contare l'assist per il quarto gol a Luis Alberto. La Juventus con e senza Dybala è diversa, giustamente con il Chievo Allegri lo ha fatto riposare un po' perché era appena tornato dalla Nazionale e c'è l'impegno Champions. Per me i miei giocatori sono i migliori, ma se dovessi scegliere qualcuno mi sarei tenuto volentieri Biglia. Io ho visto quando ha smesso mio fratello, dopo 25 anni di calcio a questi livelli quando lasci c'è un po' di vuoto. Un trend che va invertito immediatamente. L'ho già detto ai ragazzi: "dovranno essere bravi ad allenarsi giocando".