Gol di Allan contro il Benevento, azzurri in vantaggio

Gol di Allan contro il Benevento, azzurri in vantaggio

Poco o nulla da parte del Benevento, che vista la delicata situazione in classifica, ultimo con 0 punti, si pensava avesse venduto cara la pelle. Una piccola attenuante: a Baroni mancava Cicciretti, l'uomo in grado di dare un po' di qualità e imprevedibilità. Troppo facile, abbiamo detto.

Vittoria roboante del Napoli che annichilisce il Benevento per 6-0.

Funziona tutto per Sarri, una macchina perfetta avviata da quel motorino di Allan, il più in forma in casa azzurra. Allan recupera palla in mediana e s'invola nella metà campo avversaria, cede palla a Mertens che calcia in porta, respinta non perfetta di Belec e tap-in vincente del brasiliano. Il vantaggio non scuote gli ospiti e soprattutto non appaga i partenopei, che sulla sinistra, sull'asse Ghoulam-Insigne, confeziona l'azione del gol del raddoppio: l'algerino trova il Magnifico all'interno dell'area; stop e conclusione di prima, a giro, sono impeccabili. Chibsah, stende Mertens in area, calcio di rigore che lo stesso attaccante belga trasforma nonostante il tentativo di opposizione dell'estremo difensore giallorosso.

Il Napoli ritrova gol, brillantezza e sorrisi. Una bella risposta dopo il ko in coppa. Sei gol per archiviare una pratica mai in discussione. No, non è un errore.

Sulla strada che porta alla vetta ci sono a volte quelle tappe intermedie, quando l'aria non è ancora così pesante e il terreno corre in falso piano, che ti permettono di andare avanti e respirare, procedere senza intoppi né fatica verso la meta, riposati e col sorriso.

Sul campionato: "Penso che ci siano molte più partite dure rispetto ad altri campionati". Quasi para il primo penalty di Mertens. Perchè non ha giocato subito in Champions? Ma il fallo da rigore su Giaccherini è di una ingenuità disarmante. Quindi è giusto che Mertens, che è un animale da gol, abbia saziato la sua fame.

Mertens 8,5 - Fa ammattire tutti. A disposizione: Rafael, Sepe, Mario Rui, Maggio, Maksimovic, Zielinski, Chiriches, Diawara, Milik.

Nel Benevento, Baroni deve fare a meno di Ciciretti e Iemmello, presentandosi dunque al San Paolo con un 4-4-2, che vede una una difesa composta da Venuti, Lucioni, Antei e Di Chiara; a centrocampo, il tecnico schiera Viola e Chibsah nel ruolo di interni, con Lombardi e Lazaar sulle fasce, mentre in attacco si affida alla coppia Coda-Armenteros, con l'attaccante svedese all'esordio in maglia giallorossa.

A disposizione: Brignoli, Kanouté, Gravillon, Memushaj, Puscas, Del Pinto, Gyamfi, Brignola.