Germania, Frauke Petry abbandona Alternative fuer Deutschland

Germania, Frauke Petry abbandona Alternative fuer Deutschland

Una lunga lista di curriculum pasticciati e sgangherati, quella dei parlamentari Afd, che risponde alla confusione presente nel loro elettorato: in parte violento, in parte inconsapevole, in altra parte ancora spregiudicato e avventuriero.

Alla Afd, la 38enne, dottoressa di ricerca in Economia che nel curriculum vanta una collaborazione con la potente banca d'affari Goldman Sachs - nel ramo "private equity" - e con la Allianz Global Investors, si sarebbe avvicinata per un sentimento di euroscetticismo.

Dal canto suo, invece, la Germania è apparsa finalmente e totalmente domata, piegata, saggiamente, consapevole del disastro umano che ha portato in Europa e nel mondo intero.

Il partito di destra tedesco è andato avanti per la sua strada con le sue campagne elettorali senza sottomettersi a patti con altri partiti e senza contraddirsi durante le campagne elettorali, o senza attaccare gli avversari evitando un confronto pacato e civile.

Ancora peggiore è stata la batosta incassata dal Partito Social Democratico (SPD), fermo al 20,5% dopo che a inizio anno il lancio del candidato alla cancelleria, Martin Schulz, era sembrato prospettare per un breve periodo addirittura un avvicendamento alla guida del paese.

Quasi tutti gli osservatori prevedono un nuovo gabinetto insolitamente fragile e instabile a Berlino, con il conseguente probabile tramonto precoce del progetto franco-tedesco di riforma dell'Unione Europea all'insegna di una maggiore integrazione tra i suoi membri.

Un altro dato interessante è quello dell'età. Germania first suona come l'America first di Trump anche se a dirlo non è un uomo che è il ritratto del capitalismo, ma una donna che il contrario dello stereotipo della destra e che da lesbica, ha nel suo programma elettorale critiche all'insegnamento scolastico sulla diversità sessuale. Significa che 1,2 milioni di tedeschi hanno votato per i populisti di destra, come si può leggere in un articolo di die Welt. Secondo un sondaggio citato da Muddle, l'86 per cento degli elettori di AfD ritiene che i suoi leader non facciano abbastanza per dissociarsi dalle posizioni estremiste e apertamente neonaziste adottate da alcuni membri del partito (e a volte dai suoi stessi leader). Noi abbiamo una grande responsabilità nei confronti dei nostri elettori. In sostanza, più lavoro e sicurezza. Per la morte di una studentessa a Friburgo per mano di un profugo afghano di 17 anni ha indicato Merkel come principale colpevole, accusandola inoltre di essere una "trafficante di esseri umani". Peccato che parole così sono dette proprio in Germania, dopo l'eco di quelle hitleriane che parlò di salvare l'umanità ammazzando quelli che umani non erano, essendo degli inferiori disumani, inferiori che non erano degni poiché sporcavano il territorio. Questa foto è stata scattata domenica nel quartiere di Neukölln dal giornalista e scrittore Joel Schalit, che ironizza: "Il contesto è tutto". Markus Ulrich fa parte dell'associazione Lgbt tedesca Lsvd e il risultato delle elezioni con AfD, Alternative für Deutschland, formazione di estrema destra che è entrata in Parlamento come terzo partito con 94 seggi se lo aspettava. "Ma sì, finiamola con il politicamente corretto, viva il politicamente scorretto, quella "sgualdrina Nazi" deve avere ragione".

Sul fronte interno, come ha subito invitato a fare il presidente della Federazione dell'Industria tedesca (BDI), Dieter Kampf, dovrà essere mantenuta la competitività del business tedesco. I migranti? Certo, loro, più sgradevoli di tutti, ma anche gli altri.