Emergenza rifiuti, la TARSU può essere ridotta del 40%

Emergenza rifiuti, la TARSU può essere ridotta del 40%

La Cassazione ha stabilito che la Tarsu venga ridotta del 40% per i cittadini e le imprese che per l'emergenza rifiuti subiscono un disservizio "grave e protratto" nella raccolta della spazzatura tale da aver fatto scattare l'allarme sanitario. Arriva ad emergenza ormai chiusa una sentenza destinata però ad innescare una pioggia di richieste da parte dei contribuenti all'ombra del Vesuvio. I giudici, nella sentenza 22531/2017 depositata ieri, hanno dato ragione al Britannique, che si è dovuto rivolgere alla Suprema Corte per farsi riconoscere il diritto a uno "sconto" del 60% sulla TARSU del 2008.

I magistrati sono stati di parere contrario facendo cadere il castello della "imprevedibilità". Ad avviso della Cassazione, "la tesi non è convincente perchè incentrata su un requisito, quello di 'non prevedibilità' e 'non prevenibilità' dell'evento costituito dalla protratta disfunzione, estraneo alle fattispecie che danno titolo alla riduzione della tassa". "A causa dell'evasione i servizi vanno in crisi, a causa dei disservizi si riducono le entrate, le minori entrate aggravano ancora di più la qualità dei servizi. - afferma - E' evidente che in questo quadro, a fare le spese sono e saranno sempre le amministrazioni comunali, lasciate sole e prive di strumenti per garantire i servizi essenziali ai cittadini".