Dybala ammette: "Difficile giocare con Messi"

Dybala ammette:

Parole che hanno fatto discutere, soprattuto in Argentina e in chiave Nazionale. Sarebbe opportuno, in questo senso, rispolverare le prestazioni fatte nella scorsa stagione, con quelle due super-partite allo Stadium e al Camp Nou. Ora tutti si aspettano una replica, ma è difficile ripetersi.

MESSI ON - Dopo avergli lasciato praticamente tutto il primo tempo, al 44esimo la Pulce si è accesa e, improvvisamente, ha acceso tutto il Barcellona: uno-due con Suarez al limite dell'area e diagonale rasoterra a scacciare la "maledizione" Buffon, a cui non aveva mai segnato.

Cosa cambia per lei rispetto ad aprile? "Per fortuna gioco con Messi in nazionale ed è un gran piacere, si possono imparare molte cose da lui". Il Barcellona ne ha cambiati solo 3? Non lo so, a me nessuno ha detto nulla. Abbiamo visto il Barcellona nella sua ultima partita. Io mi sento molto bene. Questo Dybala stasera non l'ha fatto e, insieme al suo talento migliore, si è spenta improvvisamente tutta la Juve. Ovvio, entriamo sempre in campo per vincere.

Ronaldo e Messi sono distanti? Contro il Barcellona, tuttavia, si annuncia ostica anche la sfida di ritorno. Se voglio stare al loro livello devo continuare a lavorare. Quello che può succedere in futuro non lo so, io sono felice nella Juventus, mi trovo a mio agio, quest'anno sarà importante perché ci sarà anche il Mondiale e ho preso la decisione di giocare con un numero che rappresenta molto per la storia di questo club. Un reparto difensivo che, al centro, sarà dotato di grande fisicità che potrà contrastare le offensive degli avversari.

Ovvio che con tanti giocatori infortunati - pedine caratterialmente molto forti come Mandzukic, Chiellini e Khedira, gente che "mette il piede" - la Juve perde alcune qualità indispensabili. Deulofeu? La sua presenza non provoca cambiamenti per noi perché ha le stesse caratteristiche di posizione tattica in campo di Neymar, lui può giocare a destra e a sinistra mentre Neymar gioca solo a sinistra.